.
Annunci online

 
limmaginesospesa 
circolo di cultura cinematografica
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Un artista minimalista
Cortopotere
Lab 80
Bonobo
il circolo cinematografico di BG
FICC
Il Cinematografo
  cerca

L'immagine Sospesa

Crea il tuo badge


 

Diario | Info | Programmazione | Immagine sorpresa |
 
Diario
151803visite.

12 gennaio 2011

Gennaio 2011




permalink | inviato da limmaginesospesa il 12/1/2011 alle 21:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 gennaio 2011

L'Immagine Sospesa




permalink | inviato da limmaginesospesa il 9/1/2011 alle 15:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 novembre 2010

Sospesi.

 

Stiamo lavorando per voi,

ricominceremo il più presto possibile.

 

Il Circolo L'immagine sospesa




permalink | inviato da limmaginesospesa il 9/11/2010 alle 11:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

4 luglio 2010

a presto!

 

Ritroverete L'immagine Sospesa da ottobre, ogni lunedì nell'auditorium della biblioteca di Treviglio dalle 21:15.

      

 

Intanto vi aspettiamo a

Fuorilcinema

www.fuorilcinema.it

 




permalink | inviato da limmaginesospesa il 4/7/2010 alle 13:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

27 maggio 2010

Commento al film-musical “Tommy”

Tommy , rimasto (presunto) orfano di padre già dalla nascita , a causa di un furioso litigio fra il suo patrigno e il suo padre naturale , dato per disperso e morto in guerra ma ora ritornato , diventa cieco , muto e sordo. Si potrebbe ipotizzare che il grosso shock subito dal ragazzino possa essere la causa delle sue menomazioni ma non è così : Tommy entra in questo stato , che lo isola dal mondo circostante , solo per sua volontà , solo per “proteggersi” dagli orrori ed errori della società esterna.

Durante questo stato menomato , Tommy cerca di comunicare con il mondo esterno ed in particolare con il mondo esterno chiedendo ed invocando :

·         (Can) you feel me

·         (Can) you hear me

·         (Can) you touch me

·         (Can) you heal me

Sempre durante tale periodo , Tommy , nonostante le sue menomazioni , diventa campione di flipper e sua madre (vergognosamente) e il suo patrigno decidono di scommettere sulla dote di suo figlio. I soldi entrano a far parte della famiglia : sempre più lusso , sfarzo ed egoismo.

Ma chi si cura di Tommy e della sua malattia?

Dove sono i sentimenti?

Tommy , diventato grande , riacquista il dono della parola , dell’udito e della vista e diventa un “miracolato”.

 




permalink | inviato da limmaginesospesa il 27/5/2010 alle 19:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

20 maggio 2010

Commento al film “Velvet Goldmine”

Londra negli anni settanta è la culla di cambiamenti nel modo di vestire , nel campo musicale e nel campo sociale. Il cambiamento nel modo di vestire e nel campo musicale sono molto decisi e marcati.

Nel film Velvet Goldmine di Todd Haynes il protagonista del film (un cantante pop-rock-melodico) , si adegua alle mode e all’ambiente sociale pur di rimanere al centro dell’attenzione dei media e rimanere nelle top chart musicali. Il termine che si evince da questo film è “adeguarsi”.

In questo caso il cantante si adegua alle mode del periodo anche dal punto di vista sessuale diventando o facendo finta di diventare bisessuale. Si vedrà , poi , alla fine del film che il suo cambiamento è solo fittizio , per restare sulla cresta dell’onda.

 




permalink | inviato da limmaginesospesa il 20/5/2010 alle 19:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

12 maggio 2010

Commento al film-documentario ""Dal Malì al Mississipi"

La musica è un forte strumento di comunicazione. Essa è in grado di manifestare molti sentimenti quali la rabbia , l'amore , la sofferenza , ecc. La musica è nel sangue , come fosse un patrimonio personale , di chi la compone e di chi si identifica con essa. In questo film , Martin Scorsese , rispercorre la storia di una musica nata dagli schiavi di colore nel Mississipi : il BLUES. Questa musica ha radici profonde e ben radicate che si estendono dall' America all'Africa , dal Malì al Mississipi.

Degne di elogi sono le parole dette dagli stessi autori / cantautori blues. Parlano di tutto , della vita , degli amori , delle sofferenze degli avi e a parer mio il blues , oltre ad essere una corrente musicale , è ben altro : una scuola di vita.

Pao




permalink | inviato da limmaginesospesa il 12/5/2010 alle 22:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 maggio 2010

Commento al film "Ho incontrato Jimi Hendrix"

 

Il desiderio e la voglia di farsi conoscere , per le doti canore e musicali , porta la neo rock band californiana The Turtles ad iniziare una ascesa nel panorama musicale , costellato da altre band musicali del calibro dei Beatles , Doors , Jimi Hendrix , ecc... L'inizio della neo carriera musicale del gruppo , anche se un po' in sordina e senza tanti accoliti , non ferma il solista della band a conoscere , incontrare e riflettere sulla musica di altre band musicali: le altre rock band sono per lui uno stimolo a non desistere davanti alle difficoltà.

Molto bello e significativo e pieno di riflessioni , non solo in campo musicale , è l'incontro con il leggendario e mitico Jimi Hendrix durante una cena (non a caso il film originale è My dinner with Jimi) in un famoso locale londinese.


 

Pao




permalink | inviato da limmaginesospesa il 5/5/2010 alle 20:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

29 aprile 2010

MAGGIO 2010 - IT'S ONLY ROCK 'N ROLL BUT I LIKE IT




Il mese di Maggio il circolo vi invita alla rassegna dedicata al mondo della musica. La proposta si articola in cinque pellicole che rendono omaggio ad artisti (quali Jimi Hendrix, The Who, David Bowie, The Beatles e "i grandi del blues") della scena musicale moderna.




CINEFORUM

Lunedì 3 - "Ho incontrato Jimi Hendrix" di Bill Fishman - Usa 2004, 90'
Lunedì 10 - "Dal Malì al Mississipi" di Martin Scorsese - Usa 2002, 90'
Lunedì 17 - "Velvet goldmine" di Todd Haynes - Uk/Usa 1998, 123'
Lunedì 24 - "Tommy" di Ken Russell - Uk 1975, 111'
Lunedì 31 - "Help!" di Richard Lester - Uk 1965, 92'




Presso l'auditorium della biblioteca di Treviglio, ingresso in Largo marinai d'Italia.
Proiezioni riservate ai soci (tessera annuale 10 euro).
Apertura ore 21:15, proiezione ore 21:30.
vi aspettiamo!




permalink | inviato da limmaginesospesa il 29/4/2010 alle 22:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

28 aprile 2010

Commento al film "Il Partigiano Johnny"

 

Johnny , ritornato ad Alba , dal suo luogo di studio dove studia letteratura inglese , deve rifugiarsi , per evitare la fucilazione per diserzione al regio esercito , presso l'abitazione dei genitori. Ma in lui nasce un sentimento di indipendenza e di libertà , che lo porterà coraggiosamente ad unirsi a bande comuniste contro il neofascismo. Giorno dopo giorno si rende conto che le difficoltà nel combattere il neofascimo sono sempre più gravose. Ma Jonny non si perde d'animo e continua coraggiosamente a seguire il suo desiderio. Unitosi prima con una banda comunista piuttosto mal equipaggiata , Jonny si unisce alle formazioni azzurre (ex milirari del regio esercito). Ma durante uno scontro Jonny cade in una imboscata e muore da partigiano.




permalink | inviato da limmaginesospesa il 28/4/2010 alle 20:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 aprile 2010

Dal giornale Popolo Cattolico




permalink | inviato da limmaginesospesa il 24/4/2010 alle 21:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

20 aprile 2010

Commento al film Eraserhead

 

La paura ossia quel sentimento che uccide tutto il positivo, materializzata in questo film , sotto forma di un liquido che inghiotte tutti i desideri , speranze , songni e prove personali è il problema personale che il protagonista Henry Spencer deve affrontare , nel momento in cui decide di sposarsi con la fidanzata Mary. Le sue idecisioni , paure , ossessioni portano Spencer alla reale visualizzazione di diverse scene oniriche : l'incontro con la sua fidanzata Mary e la famiglia di lei gli fa vedere il pollo cotto che si muove , il bambino malforme della coppia, senza pelle e con la testa schiacciata , la donna-angelo sfigurata , la generazione di feti da parte della moglie che lui butta a mo di sasso contro il muro, ecc. La coversazione nel film , quasi nulla , lascia lo spazio a un gioco di sguardi e gioco di luci. La paura è talmente forte che Spencer decide di uccidere il bambino.

Dal corpo del bambino , quasi fosse una costante di questo film , esce lo stesso liquido : LA SUA PAURA.

 

Paolo




permalink | inviato da limmaginesospesa il 20/4/2010 alle 22:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

14 aprile 2010

Commento al film "Sweet Sixteen"

 

Il grande amore verso la madre Jean , detenuta in prigione in attesa di vicina scarcerazione , e il sogno di vivere con la madre e di avere una famiglia come non l'ha mai avuta , porta il giovane adolescente quindicenne Liam , che compirà il sedicesimo anno di età il giorno successivo alla scarcerazione della madre , a racimolare soldi in tempi rapidi (prima della scarcerazione della madre), per acquistare una casa per la Sua nuova famiglia , Liam con la sorella Chantelle e la madre

Il fine di Liam (il fine giustifica i mezzi) lo porterà in un giro di spaccio di droga e all'omicidio di un uomo. Ma la madre è propensa al cambiamento di stile di vita una volta uscita dal carcere?

Sembrerebbe di si. Ma il file non è assolutamente happy ending in quanto la madre , dopo essere uscita dal carcere , decide di non cambiare il suo stile di vita.

Per Liam è una grossa ferita. Una illusione vera e propria proprio nel giorno del suo sedicesimo compleanno. Il castello di Liam è stato abbattuto!!!!!

Paolo




permalink | inviato da limmaginesospesa il 14/4/2010 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

13 aprile 2010

Evento del 19 Aprile




permalink | inviato da limmaginesospesa il 13/4/2010 alle 19:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

3 aprile 2010

Commento al film "Domenica"

 

La fiducia , che a mio parere è il sentimento portante del film ,deve essere conquistata passo dopo passo. Ed è ciò che l'ispettore Sciarra presso la polizia a Napoli (la scelta del luogo non è fodamentale) deve conquistare , verso una ragazza di nome Domenica , appena adolescente ed orfana , per portare a termine un caso di suicidio/omicidio di un un uomo colpevole di maltrattamenti e sevizie verso la ragazza. Per portare a termine il caso l'ispettore Sciarra deve condurre all'obitorio Domenica per il riconoscimento del cadavere. Tra i due interpreti (Domenica e l'ispettore Sciarra) deve crearsi una fiducia reciproca. Sciarra riesce a conquistare la fiducia di Domenica ma , quando arrivano all'obitorio , Domenica non riconosce il cadavere e per la polizia di Napoli ciò crea diversi problemi (non risoluzione del caso).

A questo punto l'ispettore Sciarra capisce che la polizia di Napoli ha fatto passare per suicidio l'omicidio avvenuto durante l'interrogatorio. Il fim termina quando l'ispettore Sciarra parte con la nave per la Sicilia.

 

Tra i due interpreti si crea un forte legame. Ci sono nel corso del film delle frasi e gesti che avvalorano tale legame :

  • all'obitorio mentre la polizia di Napoli dice "è solo una bambina orfana. A chi vuoi che importi" l'ispettore risponde "A me importa"
  • al termine del film la bambina regala un paio di occhiali all'ispettore Sciarra

  • la bambina vuole che l'ispettore Sciarra faccia da testimone alle nozze di Domenica

Paolo




permalink | inviato da limmaginesospesa il 3/4/2010 alle 19:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

2 aprile 2010

EVENTI APRILE 2010




Il Circolo di Cultura Cinematografica "L'immagine Sospesa" per questo mese di Aprile ha organizzato tre incontri:

12 Aprile
Il film più votato dai nostri soci.
Il direttivo del circolo ha selezionato una lista di dieci pellicole che i nostri soci hanno votato nel mese di Marzo. Lo spoglio dei voti è avvenuto precedentemente all'ultima proiezione del 29 ed ha decretato a maggioranza la vittoria di
"Sweet sixteen" di Ken Loach (Gran Bretagna 2002, 101')

19 Aprile
Questa particolare serata "minimalista" vedrà la proiezione del film "Eraserhead" di David Lynch (Usa 1977, 90') ma anche la visione della mostra fotografica e del corto "Viaggio nella superstizione" di Un Artista Minimalista (www.unartistaminimalista.135.it) con successivo aperitivo in musica nell'area allestita adiacente all'auditorium. NON MANCATE

26 Aprile
Per ricordare il 25 Aprile, festa di liberazione nazionale dal regime nazifascista il circolo vi invita alla visione de "Il partigiano Johnny" di Guido Chiesa (Italia 2000, 120').



Presso l'auditorium della biblioteca di Treviglio, ingresso in Largo marinai d'Italia.
Proiezioni riservate ai soci (tessera annuale 10 euro).
Apertura ore 21:15, proiezione ore 21:30.
vi aspettiamo!

 




permalink | inviato da limmaginesospesa il 2/4/2010 alle 13:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 marzo 2010

Impressioni - Il resto di niente

Repubblica o monarchia? E' questo il tema principale del film "Il resto di niente". Il racconto della breve Rebubblica di Napoli del 1799 è effettuata dalla nobile contessa Eleonora Pimontel della casata dei Fonseca. La donna , mentre aspetta l'ultimo atto della sua vita (verrà impiccata per mano dei Francesi per disobbedienza e propaganda contro il re di Francia) , racconta con diversi flash back la sua vita , da quando era piccola , con il suo trasferimento da Roma a Napoli , fino alla disfatta della Repubblica di Napoli. Già da piccola la giovane donna Eleonora Pimentel de Fonseca cova in se delle idee di uguaglianza di tutte le persone , dai nobili al popolo. Introdotta nella cerchia dei nobili napoletani , si rende conto delle ingiustizie nei confronti del popolo napoletano da parte della stessa nobiltà di cui essa fa parte. Durante i suoi incontri nella cerchia dei nobili , Eleonora scrive e cerca di far notare ad altri nobili l'importanza di creare una Repubblica. In questo arduo , ma coraggioso compito , Eleonora si trova di fronte a pregiudizi e incomprensioni da parte sia della stessa nobiltà che del popolo. Una frase molto eloquente , sulla situazione reale del popolo , viene detta da una persona che lavora con le marionette. "Il popolo segue chi gli da da mangiare". A mio parere il popolo non segue ideali ma guarda alla situazione reale ossia pensa a come vivere o sopravvivere. La monarchia non è una disgrazia per il popolo!!

Dopo essere riuscita a creare la Repubblica di Napoli , Eleonora viene condannata a morte per lesa maestà (re di Francia).
Degni di nota sono i discorsi che Eleonora istaura con suo padre su argomenti come la felicità , Dio e altri argomenti attualissimi.

 La felicità si deve conquistare perchè la natura "dell'uomo"  è cattiva.  (P.G.)




permalink | inviato da limmaginesospesa il 24/3/2010 alle 21:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

23 febbraio 2010

MARZO 2010 - TALES BY WOMEN: LEZIONI DI CINEMA


 
La rassegna di questo mese è dedicata al cinema femminile. Il circolo vi offre cinque pellicole di altrettante registe con caratteristiche culturali, contenutistiche e stilistiche differenti in modo da proporre storie appetibili ad un pubblico maggiormente variegato...
                                                                                      Buona visione


                                        
CINEFORUM

Lunedì 1 - "Lezioni di piano" di Jane Campion (Austria, Francia 1993 - 114')
Lunedì 8 - "Me you and everyone we know" di Miranda July (USA 2005 - 87')
Lunedì 15 - "Kama Sutra - tale of love" di Mira Nair (India, USA, UK 1996 - 109')
Lunedì 22 - "Il resto di niente" di Antonietta de Lillo (Italia 2004 - 103')
Lunedì 29 - "Domenica" di Wilma Labate (Italia 2001 - 95')




Presso l'auditorium della biblioteca di Treviglio, ingresso in Largo marinai d'Italia.
Proiezioni riservate ai soci (tessera annuale 10 euro).
Apertura ore 21:15, proiezione ore 21:30.
vi aspettiamo!

 




permalink | inviato da limmaginesospesa il 23/2/2010 alle 20:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

27 gennaio 2010

FEBBRAIO 2010 - Differenti punti di vista

  L'IMMAGINE SOSPESA & IL CIRCOLO DI CULTURA OMOSESSUALE HARVEY MILK
                                                           presentano

                   
                                                  CINEFORUM

1 febbraio: 'Belli e dannati' di Gus Van Sant, USA 1991, 102'
8 febbraio:
'Lo schermo velato' di Rob Epstein, USA 1995, 102'
15 febbraio:
'Mery per sempre' di Marco Risi, Ita 1989, 110'
22 febbraio:
'Querelle' di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1982, 120'


Il circolo questo mese vi invita ad una rassegna organizzata con il "Circolo di Cultura Omosessuale Harvey Milk" che sarà anticipata, per chi fosse interessato, da un aperitivo insieme (ore 19) presso l'Al D Café & Restaurant sito in Via F.lli Galliari 6 - Treviglio , per conoscerci e conoscere i film, mentre le proiezioni saranno come al solito presso l'auditorium della biblioteca comunale di Treviglio, ore 21.30.




permalink | inviato da limmaginesospesa il 27/1/2010 alle 22:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

3 gennaio 2010

Programma Gennaio 2010 - IN MEMORY OF...

 

QUESTO MESE IL CIRCOLO "L'IMMAGINE SOSPESA" VI PROPONE TRE FILM IN MEMORIA DI ALTRETTANTI ARTISTI CHE SI SONO DISTINTI NELLE LORO DIFFERENTI DISCIPLINE.

Buona visione

 

11 gennaio: Il pozzo e il pendolo di Roger Corman, USA 1961, 80'

in memory of... Edgar Allan Poe (200° anniversario nascita: Boston, 19 gennaio 1809 – Baltimora, 7 ottobre 1849)


18 gennaio: Il processo di Orson Welles, Francia-Italia 1962, 110' b/n

in memory of... Orson Welles (25° anniversario morte: Kenosha, 6 maggio 1915 – Hollywood, 10 ottobre 1985)


25 gennaio: Caravaggio di Derek Jarman, Gb 1987,97'

 in memory of... Michelangelo Merisi (400° anniversario morte: Milano, 29 settembre 1571 – Porto Ercole, 18 luglio 1610)

 

 

Presso l'auditorium della biblioteca di Treviglio, ingresso in Largo marinai d'Italia.

Proiezioni riservate ai soci (tessera annuale 10 euro).

Ogni lunedì ore 21:15. Inizio proiezione 21:30.

 

 

 

 

 

 

 




permalink | inviato da limmaginesospesa il 3/1/2010 alle 18:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

2 dicembre 2009

dicembre

 

 

                                                              

 

lun 14 FRATELLI di A. Ferrara, USA 1996, 103'

lun 21 PARENTI SERPENTI di M. Monicelli, Ita 1992, 105'




Ore 21:15 a Treviglio presso l'Auditorium della Biblioteca, in largo marinai d'Italia.
Proiezioni gratuite, ingresso riservato ai soci. (Tessera 2009 valida fino a dicembre 4 euro / Tessera 2010 valida da gennaio a dicembre 10 euro).
Inizio proiezione ore 21:30.

 

Ricordiamo che è già possibile tesserarsi per l'anno sociale 2010 al costo di 10 euro.




permalink | inviato da limmaginesospesa il 2/12/2009 alle 15:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

21 ottobre 2009

novembre09

 TUTTI I LUNEDì DI NOVEMBRE,  PROIEZIONE ORE 21.30 AUDITORIUM DELLA BIBLIOTECA DI TREVIGLIO. INGRESSO RISERVATO I SOCI. PER TESSERARSI PRESENTARSI ALLE 21:15 - TESSERA 4 EURO VALIDA DA OTTOBRE A DICEMBRE.

 

NOVEMBRE


lun 2 ...E TU VIVRAI NEL TERRORE! L'ALDILA' di L. Fulci, Ita 1981, 86'


lun 9 I TRE VOLTI DELLA PAURA di M. Bava, Ita 1963, 93'


lun 16 VIDEODROME di D. Cronenberg, Canada 1983, 90'


lun 23 SOCIETY – THE HORROR di B. Yuzna, USA 1989, 99'

lun 30 TETSUO di S. Tsukamoto, Giap 1989, 67'  SERATA ANNULLATA




permalink | inviato da limmaginesospesa il 21/10/2009 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

11 settembre 2009

OTTOBRE

TUTTI I LUNEDì DI OTTOBRE, ORE 21.30 AUDITORIUM DELLA BIBLIOTECA DI TREVIGLIO. INGRESSO RISERVATO I SOCI. PER TESSERARSI PRESENTARSI ALLE 21:15 - TESSERA 4 EURO VALIDA DA OTTOBRE A DICEMBRE.

lun 5 CHI VUOLE VADA; CHI NON VUOLE, MANDI, trilogia di Tony Sbarbaro,Ita 2009, 60'
I - Senza stoppino non fa chiaro il lumino
II - Ce ne sono (così) di asini che si assomigliano
III – La nebbia lascia il tempo com'era

Stefano Barbieri (alias Tony Sbarbaro), autore  di cortometraggi, mediometraggi e film grotteschi d’animazione in digitale, nei quali usa la tecnica di ripresa del "passo uno".


lun 12 I MIGLIORI CORTOMETRAGGI DEL MILANO FILM FESTIVAL, 80'

lun 19 LE VACANZE DI MONSIEUR HULOT di J. Tati, Francia 1953, 96'

lun 26 CHARLOT IL VAGABONDO di C. Chaplin, gb 1915, 90'




permalink | inviato da limmaginesospesa il 11/9/2009 alle 13:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

25 agosto 2009

cercateci anche su facebook!

                                     

 

 

info: limmaginesospesa@yahoo.com

 

 

 

A PRESTO




permalink | inviato da limmaginesospesa il 25/8/2009 alle 9:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 giugno 2009

CINEMA ESTIVO

 


FUORI IL CINEMA 2009




LUGLIO
mar 14 | serata inaugurale ingresso gratuito | BACIAMI STUPIDO, di B. Wilder (1964), commedia, v.o. sott. it*

mer 15 | QUESTIONE DI CUORE, di F. Archibugi, commedia

gio 16 | REVOLUTIONARY ROAD, di S. Mendes, drammatico

ven 17 | SETTE ANIME, di G. Muccino, drammatico

sab 18 | BEVERLY HILLS CHIHUAHUA, di R. Gosnell, commedia family

lun 20 | MILK, di G. Van Sant, biografico drammatico, in collaborazione con “Milk Milano”

mar 21, merc 22 | THE MILLIONAIRE, di D. Boyle, musical drammatico

gio 23 | GLI AMICI DEL BAR MARGHERITA, di P. Avati, commedia

ven 24 | COME DIO COMANDA, di G. Salvatores, drammatico

sab 25 | MOSTRI CONTRO ALIENI, di R. Letterman, animazione

lun 27 | SI PUO' FARE, di G. Manfredonia, commedia, in collaborazione con “Il Girasole ONLUS”

mar 28 | DIVERSO DA CHI?, di U. Carteni, commedia

mer 29 | CHE - L'ARGENTINO, di S. Soderbergh, biografico drammatico

gio 30 | GRAN TORINO, di C. Eastwood, drammatico azione

ven 31 | IL DUBBIO, di J. P. Shanley, drammatico

Agosto

sab 01 | IO & MARLEY, di D. Frankel, commedia family

lun 03 | L'OSPITE INATTESO, di T. McCarthy, drammatico, in collaborazione con “Diversamente”

mar 04 | LA MATASSA, di Ficarra&Picone, commedia

mer 05 | CHE - GUERRIGLIA, di S. Soderbergh, biografico drammatico

gio 06 | IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE, di M. Herman, drammatico

ven 07 | IL CURIOSO CASO DI BENJAMIN BUTTON, di D. Fincher, drammatico fantasy

sab 08 | VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA, di E. Brevig, avveventura fantasy

lun 10 | IL PIANETA PROIBITO, di F. M. Wilcox (1956), fantascienza, v.o. sott. it*

mar 11 | DUE PARTITE, di E. Monteleone, commedia

mer 12 | VALZER CON BASHIR, di A. Folman, anim. drammatico

gio 13 | THE WRESTLER, di D. Aronofsky, drammatico

ven 14 | THE READER - A VOCE ALTA, di S. Daldry, drammatico

sab 15 | UNA NOTTE AL MUSEO 2 - LA FUGA, di S. Levy, commedia family

lun 17 | LA SIGNORA DELLA PORTA ACCANTO, di F. Truffaut (1981), drammatico, v.o. sott. it*

mar 18 | YES MAN, di P. Reed, commedia

mer 19 | UOMINI CHE ODIANO LE DONNE, di N. A. Oplev, thriller

gio 20 | VINCERE, di M. Bellocchio, drammatico storico

ven 21 | THE GENERAL - COME VINSI LA GUERRA, di B. Keaton e C. Bruckman, commedia, con accompagnamento musicale dal vivo (si ringrazia la Cineteca del Friuli)



INFO: www.fuorilcinema.it 




permalink | inviato da limmaginesospesa il 24/6/2009 alle 16:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

19 maggio 2009

25 maggio

 



Cari Soci e non,
vi invitiamo a partecipare all'ultimo incontro della stagione del cineforum, lunedì 25 maggio alle ore 21:20 presso l'auditorium della biblioteca di Treviglio in Largo marinai d'Italia.
Proietteremo il film Un'ora sola ti vorrei, di Alina Marazzi e poi la serata proseguirà nel chiostro della biblioteca.


                                     


Portateci un nuovo tesserato, berrete entrambi gratis!
 
Vi aspettiamo numerosi,
 
L'IMMAGINESOSPESA







p.s. Da oggi, L'immagine sospesa è anche su FaceBook 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. treviglio

permalink | inviato da limmaginesospesa il 19/5/2009 alle 11:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

12 maggio 2009

18 maggio ore 21:30

L'INDISCRETO FASCINO DEL PECCATO
di Pedro Almodovar
Spagna 1983
83 minuti

       



Ambientato in un convento alquanto "alternativo", L'indiscreto fascino del peccato è rimasto uno dei film più arditi di Almodovar, con la sua madre superiora lesbica eroinomane, suor Vipera che sublima l'amore per il cappellano cucendo un'intera linea d'alta moda per la Madonna, suor Sterco che ha visioni mistiche procurate dall'LSD, suor Ratto di Vicolo che scrive di nascosto romanzetti per casalinghe frustrate, suor Perduta che accudisce una tigre ed è una fanatica della pulizia.

Anche se questo catalogo di bizzarrie fa pensare al primo Almodovar, felicemente dilettantesco e scombinato (nel cui stile rientra anche l'idea di Virginia mangiata dai cannibali e di suo figlio allevato dalle scimmie), in realtà L'indiscreto fascino del peccato segna un passo significativo verso la maturità del regista. La commedia, non a caso, lascia spazio crescente al dramma e a una costruzione più attenta dei personaggi, soprattutto di quello, molto sofferto, della madre superiora, incapace di contenere un amore tanto cieco da portarla a opprimere chi le sta intorno, anche se vorrebbe solo essere riamata. E i fatti le danno sistematicamente torto: le ragazze "redente" preferiscono confidarsi con altre suore; una giovane di cui si era innamorata l'ha piantata e quando torna al convento a chiedere protezione non ci pensa due volte a lasciare che sia arrestata, per proteggere Yolanda; stronca i romanzetti di suor Ratto che invece ottengono recensioni entusiaste; spera di offrire a Yolanda, la nuova arrivata di cui si è innamorata, un ambiente accogliente ma la soffoca al punto da indurla a ribellarsi alle sue attenzioni; infine, tutta presa dai suoi progetti per racimolare soldi e fondare un nuovo ordine, non si accorge che tutte le consorelle la stanno abbandonando.


Tra i momenti più significativi che segnano la relazione della superiora e di Yolanda, intorno alla quale ruota tutto il film, ve ne sono quattro di particolare bellezza. Il primo è l'arrivo di Yolanda al convento, durante una messa e nel momento della comunione: quando la vede, la superiora si stacca dalle altre suore in coda per comunicarsi e al loro stesso ritmo si dirige verso di lei, il cui corpo fin d'ora preferisce a quello di Cristo. Il secondo è la dichiarazione d'amore, passionale e dolente, a suon di bolero. Il terzo è il colloquio più franco fra le due, inquadrate dall'esterno della stanza in modo che rimangano ciascuna dentro la cornice di una finestra, divise da un muro che dice tutto sulla distanza che le separa e sull'impossibilità del loro rapporto. Infine, il finale, quando la superiora scopre la stanza di Yolanda vuota, capisce che tutti i suoi progetti non hanno più futuro e si abbandona a un urlo straziante, culmine di quel melodramma che è destinato a divenire uno dei generi preferiti di Almodovar.




Il Circolo si scusa per i contrattempi delle scorse proiezioni.


25 marzo 2009

avviso

ricordiamo che lunedì 30 marzo non ci sarà la proiezione.
ci rivediamo il 6 aprile alle 21:30

L'IMMAGINESOSPESA




permalink | inviato da limmaginesospesa il 25/3/2009 alle 13:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 marzo 2009

programmazione aprile-maggio. proiezioni ore 21.30 auditorium biblioteca di Treviglio



IN THE CITY


6 aprile:        Ferro 3 ,Kim Ki-Duk, Corea del Sud, 2004, 90'.

20 aprile:      Lisbon story, Wim Wenders, Portogallo, 1995, 105'.

27 aprile:      Blue in the face, Wayne Wang - Paul Auster, USA 1995, 85'.


LIKE A VIRGIN

4 maggio:        L'ora di religione, Marco Bellocchio, Italia 2002, 102'.

11 maggio:      L'indiscreto fascino del peccato, Pedro Almodovar, Spagna 1983, 115'.

18 maggio:      Magdalene,Peter Mullan, GB 2002, 119'.

25 maggio:      Un'ora sola ti vorrei, Alina Marazzi, Italia 2002, 55'.




permalink | inviato da limmaginesospesa il 22/3/2009 alle 20:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

17 marzo 2009

23 marzo

 IO TI SALVERO'
di Alfred Hitchcock
USA 1945
111 minuti



Per raccontare i sogni Alfred Hitcheock usò Salvador Dalì. Le tecniche tradizionali, riconoscibili come i fumetti raggrinziti che raccontano i pensieri di Topolino o Paperino, gli sembravano evidentemente un insulto alla sua idea di cinema. E poi lui, in Io ti salverò, non doveva narrare dei sogni ma descrivere delle allucinazioni, trasmettere la sensazione di un incubo. Il protagonista del film cerca
nei meandri della sua psiche le ragioni del suo disagio, delle sue fobie, dei suoi sensi di colpa. Ciò che lo turba sono le linee parallele, di qualsiasi natura siano. Qualcosa di apparentabile alla claustrofobia di James Stewart in Vertigo. Viaggiando, con l’aiuto della psicanalisi e dell’amore, nel suo passato remoto, Gregory Peck rintraccerà le radici della sua strana malattia. Il film è tutto giocato attorno ai «classici» della letteratura hitchcockiana, la «stranezza» del protagonista, lo scambio di persone, l’apparenza di colpevolezza, il valore terapeutico dell’amore. Lei è Ingrid Bergman, troppo bella per non essere addirittura taumaturgica. Il film è semplicemente splendido. E mi tengo basso.
(Veltroni)




permalink | inviato da limmaginesospesa il 17/3/2009 alle 20:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre